Home DESTINAZIONIViaggi in ItaliaTrentino Alto Adige Escursione in Val di Fassa: Le Marmitte della Marmolada o Marmitte di Ciamorciaa

Escursione in Val di Fassa: Le Marmitte della Marmolada o Marmitte di Ciamorciaa

by Ilaria
380 Visualizzazioni
Escursione in Val di Fassa: Le Marmitte della Marmolada o Marmitte di Ciamorciaa
Il percorso ad anello da Pian Trevisan alle Marmitte della Marmolada

Un percorso, quello che porta alle Marmitte della Marmolada o Ciamorciaa (camosciaia in ladino), che regala paesaggi strepitosi e panorami mozzafiato. Incredibilmente poco frequentato, è un percorso non facile, con alcuni brevi tratti leggermente esposti. Una meravigliosa alternativa ai super frequentati percorsi in Val di Fassa. Noi l’abbiamo percorso in pieno agosto e non abbiamo incontrato quasi nessuno.

Le nostre figlie di 6 e 9 anni, l’hanno fatto senza troppi problemi, dopo una lunga estate in Valle, quindi con un buon allenamento alle spalle. Nella prima parte la salita è ripida e faticosa, quindi non adatta a bambini poco abituati a camminare.

🟥 Percorso difficile
🕑 6 h (soste comprese) – Tempo in movimento, 3 ore circa.
👣 circa 11 km totali
📈 Dislivello 600 metri
🏚 Rifugi sul percorso: Hotel Villetta Maria, Rifugio Dolomia, Rifugio Castiglioni Marmolada
👶🏼 Non adatto a bimbi piccoli, percorribile con zaino porta bimbo
🚩 Partenza da Hotel Villatta Maria parcheggio presso l’Hotel

Escursione in Val di Fassa: Le Marmitte della Marmolada o Marmitte di Ciamorciaa

Alle Marmitte della Marmolada-Ciamorciaa: come raggiungere la partenza

Strada per l'hotel villetta Maria

Si parte dall’Hotel Villetta Maria in località Pian Trevisan, nel comune di Canazei. La zona è facilmente raggiungibile in auto da Canazei prendendo la strada che porta verso il Passo Fedaia. Poco prima del tornante numero 2, si imbocca la strada forestale per l’hotel e li si lascia l’auto. Il sentiero n. 619 è quello che parte dal parcheggio nell’hotel non sul fianco ma di fronte.

Presso il bivio c’è anche la fermata dell’autobus. Per informazione sulle linee che collegano Canazei al Lago Fedaia, consultare il sito Trentino Trasporti.

Alle Marmitte della Marmolada-Ciamorciaa: il percorso

Lasciata l’auto presso il parcheggio dell’hotel villetta Maria, sei in bocca il sentiero numero 619 che parte dall’altra parte del parcheggio di fronte all’hotel. Attraversato il Pian Trevisan si inizia a salire verso sinistra.

Quella che stiamo percorrendo è una vecchia mulattiera militare austroungarica realizzata dai prigionieri russi durante la prima guerra mondiale. Risalito il grande spallone roccioso, passando sotto alcune cascate, seguiamo la strada che sale un po’ a zig-zag, passando alcuni muri a secco e tratti di sentiero leggermente esposti che regalano però, un panorama strepitoso sulla valle dell’Avisio. In 1:15, si arriva a Pian the Scalet a 2032 m., proseguiamo erroneamente sulla sinistra per poi tornare indietro dopo poco e continuare sul sentiero n. 619 verso destra.

Dopo poco si esce dal bosco e il panorama si apre sul maestoso e recentemente imbiancato di neve, Gran Vernel (3.210 m.) e sulla Forcella della Marmolada.

In pochi minuti si raggiungono le prime marmitte. Si tratta di canali stretti e profondi, scavati nella roccia nel corso dei millenni, dall’acqua che scende dal ghiacciaio. Oltre ai canali si possono trovare numerose pozze d’acqua dall’incredibile colore cristallino, una vera meraviglia della natura!

Bisogna prestare attenzione perché i canaloni si aprono all’improvviso e si potrebbe cadere.

Dopo una breve pausa panino, superiamo una brutta costruzione in cemento destinata a convogliare l’acqua verso le diga del Fedaia e saliamo ancora un po’ ammirando i salti giocosi che l’acqua compie all’interno di questi scivoli naturali.

Giungiamo al Col De Baranchie a 2205 m., (da Pian de scala incluse le soste, impegniamo 2 ore) e teniamo la sinistra (segnavia n. 618). Il sentiero sulla destra (619) prosegue verso Col De Bous e il Rifugio Pian dei Fiacconi ma è un sentiero in parte attrezzato e preferiamo evitare.

Da qui inizia a vedersi il Lago Fedaia, infatti inizia la discesa. Attraversiamo prati punteggiati da grosse rocce e incontriamo altre marmitte e alcune cascate che scendono dal Col de Bousc.

Paesaggio mozzafiato. Continuiamo a scendere sul sentiero stretto e ripido fino a giungere a un bivio. Qui il sentiero si immette su una condotta in cemento che conduce all’imponente Diga del Fedaia in 1:30 circa. Il passaggio sulla condotta è vietato da un cartello dell’Enel, ma non abbiamo trovato un’altra via. In alcuni punti è anche esposto ma per fortuna la condotta non è stretta. Prestare attenzione!

Attraversiamo il lago seguendo la strada asfaltata e ci immettiamo nel sentiero 605 che scende velocemente fino ad una chiesetta lungo una Via Crucis. In un’ora arriviamo al posteggio di Pian Trevisan.

Scopri altri trekking in Val di Fassa.

Ti va di seguirmi su Instagram?
Li pubblico molte foto e curiosità che non sempre troverai qui…

Lascia un commento

Potrebbe piacerti anche...

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cliccando su accetta esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei Cookies. Accetta Leggi di più