Home Tipi di viaggioGite di un giorno Cosa vedere a Parma in poche ore

Cosa vedere a Parma in poche ore

by Ilaria

Toccata a funga a Parma? ecco cosa vedere

Cosa vedere a Parma in poche ore

Siamo in pieno inverno, nella notte ha nevicato ma oggi è una splendida giornata.

Dopo aver dedicato la mattinata a una visita guidata tra le eccellenze gastronomiche della Food Valley, ci spostiamo a Parma per una passeggiata con visita ad alcuni spettacolari monumenti.

Cosa vedere a Parma in poche ore:

Cosa vedere a Parma: la Biblioteca di San Giovanni

Visual Portfolio, Posts & Image Gallery for WordPress
Cosa vedere a Parma Biblioteca di San Giovanni
Battaglia di Lepanto
Biblioteca di San Giovanni evangelista

La biblioteca dell’Abbazia di San Giovanni è parte del complesso monastico di San Giovanni Evangelista.

È davvero un luogo unico nel suo genere. Un opera strabiliante. Purtroppo chiude alle 11:45 e il giovedì è chiusa per cui, se potete, mettetela in cima alla lista di cose da vedere.

Arriviamo appena in tempo. Ci accoglie un appassionato parroco, Don Marco. Questa è la sua casa, la sua passione e questo trasuda ad ogni sua frase.

La Biblioteca si raggiunge dopo aver attraversato un chiostro con colonne classiche e affreschi del cinquecento.

Appena entrati, ci ritroviamo in un’ambiente completamente affrescato su ogni lato. La finezza delle figure è strabiliante e anche il significato simbolico che Don Mario ci illustra con grande sapienza.

Iscrizioni in latino, greco, ebraico e siriano invitano ad ascoltare, accogliere e rispettare non solo i cattolici, non solo i cristiani, ma tutti gli uomini, di qualsiasi professione di fede siano. Un bellissimo messaggio che siamo felici arrivi alle orecchie delle nostre bambine.

Sulle pareti si trovano diverse carte geografiche ricche di dettagli e scene di battaglie davvero avvincenti. La sala fu affrescata nella seconda metà del cinquecento.

All’interno di alcune teche è possibile osservare antichi libri con meravigliose miniature ricche di inserti in oro zecchino realizzate dai monaci del tempo.

L’interessantissima visita guidata a cura di Don Marco è conclusa. Lasciamo volentieri una meritatissima offerta.

Orari: tutti i giorni dalle 09:00 alle 11:45. Giovedì chiuso.

Dove mangiare a Parma: Trattoria dei Corrieri

Dopo la bellissima visita alla Biblioteca di San Giovanni, andiamo a pranzo! Abbiamo prenotato in un ristorante storico in pieno centro, La Trattoria Corrieri. Disposta su due piani in un antico palazzo, offre un ambiente rustico, dal sapore autentico.

Il locale deve il suo nome ai tempi della duchessa Maria Luigia, quando i corrieri sostavano in questa locanda per mangiare e far riposare i cavalli legati ad anelli fissati nel muro, ad oggi ancora visibili. 

Mangiamo gustosi piatti della tradizione parmigiana.

  • Torta fritta
  • Tagliere con salumi e formaggi locali accompagni di marmellate
  • Tagliatelle al ragù
  • Tagliatelle paglia e fieno

Tutto ottimo e spesa nella norma, circa 80€ in 4 (2 adulti e 2 bambini).

Orari: tutti i giorni dalle 12.00 alle 23.00.

Cosa vedere a Parma: Piazza Garibaldi

Centro della vita cittadina e punto di incrocio degli assi di attraversamento della città, Piazza Garibaldi con i suoi tavolini all’aperto, le vicine vie pedonali, gli eleganti negozi è il vero e proprio salotto dei parmigiani.

Ci prendiamo un caffè dopo pranzo prima di continuare la nostra passeggiata.

Cosa vedere a Parma in poche ore

Piazza Duomo

La Piazza più famosa della città, centro religioso di epoca medievale. La sua bellezza è senza tempo. In questa piazza sono presenti numerosi monumenti dal grande interesse religioso e culturale:

  • Il Duomo con il suo campanile del duecento.
  • Il Battistero ottagonale in marmo rosa.
  • Il palazzo del Vescovado del XI secolo.

Cosa vedere a Parma: il Duomo o Cattedrale di Santa Maria Assunta

La costruzione del Duomo di Parma dedicato alla Santa Maria Assunta, venne iniziata nel 1059, completata e consacrata nel 1106. La sua facciata è molto particolare con i suoi tre ordini di logge e tre portali. La struttura interna è a tre navate.

All’interno sono visibili numero affreschi di grande valore. L’affresco più famoso e prezioso è sicuramente quello della cupola.
Tra il 1525 e il 1530 il Correggio la dipinse realizzando uno dei capolavori dell’arte italiana del ‘500.

Il dipinto rappresenta l’Assunzione della Vergine circondata da Apostoli, efebi e angeli con strumenti musicali, e i santi patroni della città. Il moto degli angeli crea un vortice che conduce lo sguardo al centro della cupola verso il cielo.

È un’opera che rapisce, assolutamente da non perdere! E pensare che al tempo non venne del tutto apprezzata dai committenti, infatti Correggio avrebbe dovuto dipingere l’abside della chiesa ma questo non avvenne.

Orari: tutti i giorni dalle 8.00 alle 19.00.

Piazzale della Pace

Cosa vedere a Parma in poche ore

Il Piazzale della Pace, è una zona verde nel centro storico di Parma.

E circondata da maestosi edifici. A ovest l’imponente mole del Palazzo della Pilotta, attualmente sede del Museo archeologico nazionale, della Galleria nazionale, della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano

A nord il settecentesco Palazzo dell’Intendenza i Palazzo dei Ministeri, la sede della stazione di Parma Centro, del NAC e del NAS dell’Arma dei Carabinieri.

La piazza e i suoi giardini sono state progettate dall’architetto ticinese Mario Botta.

È un luogo di incontro, di sosta, un posto perfetto per riposarsi un po’ dopo una lunga passeggiata.

Di cose da vedere ce ne sarebbero moltissime altre ma siamo tutti stanchi e pienamente soddisfatti da questa gita. Torneremo a Parma in altre occasioni.

Castello di Torrechiara

Prima di tornare a casa, però, ci concediamo un giretto in auto fino al Castello di Torrechiara nel Comune di Langhirano, a 18 km da Parma.

La campagna è leggermente sbiancata dalla neve, il sole sta calando creando bellissimi effetti di luce e ombra sui campi.

Ci li mitriamo ad osservare il castello dall’auto mentre Bianca dorme. Il maniero costruito tra il 1448 e il 1460, fù il Regno della favola d’amore tra Pier Maria Rossi e l’amata Bianca Pellegrini. All’interno stupende stanze affrescate… dovremo assolutamente tornare!

TI È PIACIUTO QUESTO POST? HAI DOMANDE?

Lasciarmi un commento qui sotto oppure contattami sul mio profilo Instagram o sulla mia pagina Facebook. Sarò felice di risponderti al più presto!

Se questo articolo ti è stato utile, o pensi che possa interessare a qualcuno, condividilo utilizzando i pulsanti qui sotto! Grazie

Leggi l’articolo sulla tour gastronomico al caseificio e prosciuttificio

Per altre gite in giornata in Emilia Romagna, vai qui!

Ti va di seguirmi su Instagram?
Li pubblico molte foto e curiosità che non sempre troverai qui…

Lascia un commento

Potrebbe piacerti anche...

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cliccando su accetta esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei Cookies. Accetta Leggi di più